Missio Rimini

Ufficio Missionario Diocesano

Veglia di preghiera in memoria dei Missionari Martiri 2013: “Martirio, un fatto di fede”

aprile3

Manifesto Giornata in memoria dei Missionari Martiri 2013Quest’anno la veglia di preghiera in memoria dei Missionari Martiri e in preparazione al Campo Lavoro Missionario verrà celebrata martedì 9 aprile alle ore 21 nella Basilica Cattedrale di Rimini.
Presiederà il Vescovo Mons. Francesco Lambiasi.

Si tratta di un momento di preghiera in cui siamo invitati a pregare in memoria dei tanti missionari e missionarie, laici e religiosi, famiglie e operatori pastorali, che donano la vita per il Vangelo, in diverse parti del mondo.
Celebrare la memoria dei martiri serve a noi cristiani per ricordare che la Testimonianza è una condizione che ci riguarda tutti e alla quale tutti siamo chiamati.
Le Pontificie Opere Missionarie scelsero Mons. Óscar Arnulfo Romero, vescovo salvadoregno, ucciso il 24 marzo 1980 in Salvador perché si oppose con forza e decisione al governo militare che massacrava i più poveri e ne calpestava i diritti. Dal 1992 la Chiesa Italiana celebra la giornata di preghiera e digiuno in memoria dei Martiri Missionari il 24 marzo.

Noi a Rimini abbiamo spostato questa celebrazione al 9 aprile per iniziare con un momento forte di spiritualità il già tradizionale Campo Lavoro Missionario che si realizzerà per tutta l’estensione della diocesi nel fine settimana seguente, sabato 13 e domenica 14 aprile.
Quest’anno dedicheremo la veglia di preghiera ai martiri albanesi nel ventesimo anniversario della visita del Beato Papa Giovanni Paolo II a quel paese e l’inizio del processo di canonizzazione di tanti testimoni della fede di cui può vantarsi la Chiesa albanese ed ancora tanto sconosciuti.

Vi aspettiamo numerosi a questo appuntamento del 9 aprile in Cattedrale, certamente ne usciremo consolidati nella fede.

È possibile scaricare la locandina della veglia cliccando QUI (file pdf di 140 KB circa).

pubblicato in Appuntamenti
Devi essere registrato per scrivere un commento.